Dal Consiglio comunale del 10 febbraio 2021

La prima seduta del Consiglio comunale del 2021 tenuta in videoconferenza si è aperta con la trattazione di due interrogazioni presentate dal Team K e tre interrogazioni presentate dalla Süd-Tiroler Freiheit.

La prima mozione del consigliere comunale Unterberger riguardante l’istituzione di una carta per ravvivare il centro storico è stata respinta con 5 voti favorevoli, 18 voti contrari e 4 astensioni.
La proposta in generale ha avuto un riscontro positivo. È già disponibile il concetto corrispondente del city marketing, per realizzare una carta della città. Tuttavia l'estate scorsa, la maggioranza dei rappresentanti delle associazioni e del commercio ha classificato non prioritaria l'implementazione della carta. Per il successo della carta, bisogna avere il sostegno delle imprese del centro storico. Il comune, insieme al city marketing, può solo contribuire allo sviluppo, ma non può assumere costi diretti per la promozione economica.

La mozione dei consiglieri comunali Stenico e Frei riguardante l’installazione di panchine rosse in ricordo delle vittime di femminicidi è stata rielaborata con l’ass.ra Monika Leitner e inserita come ordine del giorno, che è stato approvato ad unanimità.
La panchina rossa è stata realizzata dall’artista torinese Karim Cherif per la prima volta nel 2016 a Torino, e divenuta da allora simbolo internazionale per la lotta contro la violenza sulle donne. In molte piazze italiane si vedono già queste panchine rosse simbolo della lotta contro la violenza sulle donne. Si tratta di una campagna di sensibilizzazione sociale, dei propri cittadini, anche i più giovani, soprattutto in un periodo di pandemia che fa notare un drastico aumento di violenze contro donne e bambini. L’assessora Monika Leitner, anche presidente della commissione della parità di opportunità, e quindi continuamente confrontata con tali problematiche, spiega che a Bressanone si trova una delle due Case delle Donne dell’Alto Adige e che in passato sono state lanciate diverse campagne di sensibilizzazione. Il consiglio sostiene la questione e vuole installare due panchine rosse particolari in piazza Duomo e nei Giardini Rapp, muniti di una targhetta, che spiega il concetto dell’azione e che ricorda le due vittime di femminicidio a Bressanone.

La mozione dei consiglieri Stenico e Frei riguardante Aiuto (tecnico) alle famiglie come affrontare al meglio la quarantena e la didattica a distanza, è stata respinta con 4 voti favorevoli, 19 voti contrari e 3 astensioni, perché l'attività didattica e l'insegnamento delle conoscenze tecniche di base non rientrano nelle competenze del comune, ma in quelle delle "scuole autonome" e della Provincia. La giunta provinciale ha cercato di contrastare le difficoltà causate dalla didattica a distanza con una serie di misure. Per esempio, le scuole sono state dotate di speciali piattaforme di apprendimento online; notebook o tablet sono stati assegnati agli alunni socialmente bisognosi; le lezioni per casi speciali sono state approvate in presenza.

Infine il sindaco ha risposto all’interpellanza dei consiglieri comunali Bova, Mahlknecht, Unterberger, Gitzl, Frei e Stenico riguardante la scelta di assessori.

La presidente del consiglio Renate Prader, al termine della seduta, ha ringraziato tecnici, traduttori e colleghe e colleghi di Giunta e del Consiglio comunale per l’ottimo svolgimento della seduta in videoconferenza.

Iscriviti alla newsletter